Aller à la page d'accueil. | Aller au contenu. | Aller à la navigation |

Cerca tra gli strumenti didattici Cerca tra gli strumenti didattici

...per progettare e realizzare le tue attività di educazione allo sviluppo sostenibile, alla solidarietà e alla cittadinanza mondiale.

 
 

L'ACQUA CHE NON C 'È

Scuola elementare statale “ Mario Vogliotti”
  • Nomi insegnanti referenti del progetto educativo: Luciana Moro

    Scuola elementare statale “ Mario Vogliotti”
    Via Cuneo 2
    Tel 011 5504034


  • 10090 - Castagneto Po (TO)
  • Scuola

Partner(s)

MAIS – Movimento per l’Autosviluppo, l’Interscambio e la Solidarietà

Via Saluzzo, 23 – 10125 Torino

Telefono: 011/657972

Fax: 011/

Email: info@mais.to.it

Sito: www.mais.to.it

 

 

 

Parco della Collina Torinese

Via Alessandria 2

10090 Castagneto Po (Torino).

Tel: 011/91.24.62  

Fax: 011/91.24.62

E-mail:

parco.collinatorinese@reteunitaria.piemonte.it

 

 

 

 

 

Temi

  • Acqua

Livello d’istruzione

  • Scuola primaria

Scuola primaria: classe II

Materie scolastiche associate

  • Italiano
  • Educazione artistica

Italiano. Arte immagine e multimedialità.

Descrizione del progetto/azione/attività

Primo incontro:

Il primo incontro è dedicato ad un'introduzione ai bambini della risorsa acqua attraverso racconti e attività di gioco.

L'intento è quello di sottolineare l'importanza della risorsa per l'uomo e per l'ambiente, di come sia legata al clima e agli eventi atmosferici e di mostrare le differenze climatiche e ambientali che vi sono tra Piemonte e Sahel. Si legge insieme la “Storia di Gocciolina” (scarica la scheda completa in Pfd) e si coglie l'occasione per introdurre una spiegazione sugli stadi dell'acqua.

 

Secondo incontro:

Si comincia con la visione di un filmato sull'acqua in Burkina Faso “Alla ricerca dell'acqua” (Per maggiori informazioni sul video rivolgersi alla ong che ha redatto la scheda). Successivamente, Mamadou Samb, mediatore culturale presente durante la proiezione del filmato, ha raccontato la sua infanzia in Senegal, descrivendo le differenze tra la realtà italiana e quella senegalese. In tale occasione i bambini hanno potuto esprimere tutta la loro curiosità rispetto ad una realtà completamente diversa dalla loro, facendo osservazioni e domande a Mamadou. In un secondo momento, senza la presenza del mediatore culturale, i bambini si dedicano alla colorazione di due disegni che mostrano due scene differenti: in uno vi è rappresentato un bambino divertito nella vasca da bagno, nell'altro disegno un bambino che prende l' acqua al pozzo insieme a due donne (Le differenze). In questa fase si uniscono l'aspetto ludico del disegno a quello intellettuale del ragionamento sulle differenze delle due immagini. Inoltre si ragiona sul tema della diversità in modo divertente.    

 

Terzo incontro:

I bambini, supportati dall’animatrice e dalla volontaria, costruiscono un quadernino sull'acqua ritagliando delle immagini (fornite a ciascun alunno), inserendole all'interno del quaderno scrivendo i loro pensieri e le sensazioni che provavano nel visualizzare la determinata immagine.

In una seconda fase si mostrano attraverso un videoproiettore delle immagini di vita quotidiana in Senegal legate all'acqua, commentandole insieme ai bambini.

 

Quarto incontro:

Durante il quarto incontro tutta la classe ha scritto una lettera che è stata tradotta da un animatore di M.A.I.S.. Le lettere sono state fatte recapitare ad una scuola senegalese per uno scambio di informazioni sull'acqua.  

Durata del progetto

Quattro incontri di due ore

Obiettivi di apprendimento e competenze da sviluppare

E' stato scelto il tema dell’acqua perché ha rilevanza nel territorio in cui si trova la scuola e perché l’accesso a tale risorsa sta diventando un problema mondiale. 

 

  • Rendere coscienti i bambini in merito all'importanza della risorsa acqua
  • Informarli sulla sua non equa distribuzione nel mondo
  • Responsabilizzarli verso il suo utilizzo.

 

Elementi che rientrano di più nell’ambito dell’educazione allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale

Proposte di cambiamento negli stili di vita

Tentare di cambiare le abitudini dei bambini riguardo l'utilizzo dell’acqua

 

Gemellaggi e scambi con altre scuole

Nell’ultimo incontro è stata scritta una lettera destinata a una classe di bambini senegalesi. Le lettere sono state inviate da MAIS presso la sede dell'ong in Senegal, che ha fatto pervenire il materiale ad una scuola senegalese.

 

 

Valutazione

La possibilità di valutare un eventuale cambiamento sui bambini si è rivelata limitata. La motivazione principale risiede nell'età dei bambini (6-7 anni) e nella difficoltà di responsabilizzarli rispetto al tema dell'acqua. E' stata tuttavia rilevabile la curiosità e l'interesse da parte degli alunni, riscontrabile anche dalla condivisione che quest'ultimi hanno avuto con i genitori stessi, ai quali hanno raccontato con entusiasmo le attività svolte in classe.

La valutazione del percorso è stata tendenzialmente positiva da parte degli insegnanti i quali hanno avuto modo di affiancare gli animatori della ong durante i laboratori in classe.

I bambini mostrando il loro interesse durante gli incontri hanno permesso un riscontro positivo del percorso; resta tuttavia difficile poter verificare un cambiamento effettivo ed efficace nei loro comportamenti. Il percorso di verifica dovrebbe essere più lungo e comprendere anche l'anno seguente al laboratorio effettuato.

 

 

Report finale

Il percorso è stato interessante e ha creato delle buone prospettive per proseguire il lavoro da parte delle insegnanti stesse, le quali collaborando con gli animatori di MAIS in classe hanno potuto interagire con i bambini in maniera differente rispetto alla classica lezione frontale. Il materiale adottato dagli animatori ha permesso agli insegnanti di sfruttare degli strumenti differenti lavorando in maniera ludica con i bambini.

Il percorso è stato un ottimo spunto anche per presentare dei laboratori tenuti dagli insegnanti nelle classi che non sono state coinvolte nel progetto.

Per farsi aiutare

Questa scheda è stata redatta dalla prof.ssa Luciana Moro della Scuola elementare statale “ Mario Vogliotti” di Castagneto Po (Torino), con la collaborazione dell'ong MAIS.

 

Scarica la scheda completa in formato PDF 

 

Per informazioni e suggerimenti potete rivolgervi al referente del settore all’Educazione Cittadinanza Mondiale di:

 

MAIS – Movimento per l’Autosviluppo, l’Interscambio e la Solidarietà

Via Saluzzo, 23 – 10125 Torino

Telefono: 011/657972

Fax: 011/

Email: info@mais.to.it

Sito: www.mais.to.it