Aller à la page d'accueil. | Aller au contenu. | Aller à la navigation |

Cerca tra gli strumenti didattici Cerca tra gli strumenti didattici

...per progettare e realizzare le tue attività di educazione allo sviluppo sostenibile, alla solidarietà e alla cittadinanza mondiale.

 
 
Azioni sul documento

ALIMENTAZIONE

Breve dossier tematico elaborato dal Comitato di Pilotaggio del progetto Des Alpes au Sahel e dagli insegnanti / operatori di Ong che hanno partecipato ai Workshops da febbraio 2009 a dicembre 2011

 

Questa scheda è scaricabile anche in formato Pdf 

 

Alimentazione

 

 

Motivazione

L’uomo è produttore e consumatore, ma non creatore di cibo, quindi è necessario educarlo a rapportarsi con esso  in modo consapevole e responsabile. Il cibo è diventato una delle nostre finestra sul mondo da quando si è affermata la globalizzazione, l’interdipendenza, i cambiamenti nei consumi e nei comportamenti e si sono intensificati i flussi migratori. E’ importante riflettere su come il cibo è diventato un potente segno culturale e oggetto di comunicazione/scambio/contaminazione fra i popoli. E’ anche necessario rimettere in discussione il modello di sviluppo e le politiche agroalimentari perseguite sinora per le conseguenze e le distorsioni che hanno oggi nel mondo e sulla sicurezza alimentare.

 

Prerequisiti

Come prerequisito alla trattazione di questi contenuti: 

  • Interesse verso gli aspetti igienico-sanitari, scientifici, culturali e etnici legati al tema alimentazione
  • sensibilità verso le tematiche dell’alimentazione

 

Contenuti (perimetro del tema)

  • Educazione alimentare ( elementi nutrizionali, calorie, energia e salute )
  • Alimentazione e mondialità :

a) malnutrizione: denutrizione, ipernutrizione

b) povertà e distribuzione delle risorse, Obiettivi del Millennio

  • Cibo e territorio:  

a) il cibo come risorsa culturale, come elemento specifico dei territori, legato alle preferenze alimentari, alle ricette e agli stili di vita e alle tradizioni, anche religiose;

b) il cibo come risorsa territoriale ed economica,  come occasione per riflettere sulla produzione e  sulla provenienza dei prodotti alimentari, sulla stagionalità dei prodotti agricoli, e sul confronto e le ricadute dei modelli agricoli ( ad es agricoltura industriale, tradizionale, di sussistenza , familiare , contadina ecc.)

  • Sicurezza alimentare

a) Diritto al cibo: fame e malnutrizione nel mondo (geografia della fame e della malnutrizione,  qualche dato di attualità )

b)  l’interdipendenza economica tra Nord e Sud del mondo, lo spreco alimentare nella società dei consumi collegata al fenomeno della povertà

c)  le sfide aperte: la crescita demografica, l’urbanizzazione, le migrazioni, i cambiamenti climatici, la proprietà della terra, i bio-carburanti, le ricadute ambientali dei diversi modelli agricoli: tradizionale, industriale, biologico ecc.;

d)  modelli di consumo consapevole e alimentazione corretta e stagionale;

 

Possibili approfondimenti

  • Diritto al cibo, politiche internazionali, rapporti economici
  • Agricoltura biologica : una risposta all’ insicurezza alimentare nel Nord e nel Sud del mondo?;
  • Ruolo del mondo contadino e rurale nel contesto mondiale.
  • Commercio equo e solidale, Gruppi d’acquisto solidali
  • Concetto di sicurezza alimentare
  • Stagionalità dei prodotti agricoli in Piemonte e in  Italia
  • Modelli agricoli a confronti

  

Suggerimenti didattico-educativi

Quando parliamo di educazione alimentare ci riferiamo allo sviluppo di comportamenti per scelte di vita positive e consapevoli. Si tratta di creare occasioni che consentano di modificare abitudini socialmente costruite; per questo non è sufficiente trasmettere delle semplici informazioni, bensì occorre agire sul sistema dei valori individuali, cercando ad esempio di:

  • migliorare la qualità dell’alimentazione  partendo anche dalle scelte individuali e familiari ( es. merenda nella cartella, menù della mensa ecc.) allargando il concetto di qualità all’intera filiera produttiva, alla stagionalità ed al legame con il territorio, la storia e le tradizioni;
  • ettere in discussione le proprie abitudini alimentari e di acquisto-consumi e immaginare possibili cambiamenti concreti;
  • capire, decodificare e valutare l’influenza dei mass media e dei messaggi pubblicitari nella scelta degli alimenti;
  • orientare la scelta dell’alimentazione non solo in funzione della salute ma anche della salvaguardia dell’ambiente e delle risorse naturali;
  • favorire il confronto con altre culture passando attraverso cose e parole semplici e quotidiane quali sono i cibi  (valorizzando le presenze di studenti stranieri ed evitando così che la diversità  diventi motivo di separazione…)
  • sviluppare una coscienza critica che, partendo dalle relazioni esistenti tra le nostre abitudini alimentari e i sistemi produttivi mondiali, consenta di scegliere il cibo secondo principi di equità e solidarietà nei confronti delle popolazioni più deboli.

 

Proposte di interdisciplinarietà

Il  cibo e l’alimentazione sono fortemente  presenti nei curricula di varie discipline nella scuola primaria e secondaria: scienze, geografia, educazione tecnologica, ma anche storia, letteratura e religione permettono di trattare vari aspetti di questo tema così importante per la vita umana.

In ogni cibo è racchiuso un grande tesoro, fatto di tradizioni, usi, costumi e leggende, propri, di popoli e genti lontani e vicini che andranno a stimolare una “esplosione” di creatività in ogni bambino.

Le scienze attraverso la conoscenza del percorso produttivo delle materie prime alimentari, della loro conservazione, trasformazione e consumo possono contribuire alla comprensione della relazione esistente tra sistemi produttivi, salute e ambiente.

Ogni tempo, luogo geografico, civiltà, ha dato importanza al cibo facendo delle scelte ben precise, in termini di preparazioni, cotture, e accostamenti: imparare a conoscerle significa accostarsi alla diversità. Ricostruire la geografia legata ai percorsi  degli alimenti invece può far crescere la consapevolezza dell’impatto ambientale e sociale che nasce da un’azione quotidiana come l’alimentarsi.

La storia dell’alimentazione è uno snodarsi di sorprese, di civiltà alimentari che cambiano, di gusti, sapori e profumi da scoprire: essa ha stretti collegamenti con gli aspetti geografici, sociologici e con la stessa identità etnica.

Attraverso le testimonianze offerte dalla letteratura e dall’arte si può analizzare l’evolversi delle forme storiche della cultura alimentare, usi e costumi degli uomini a tavola. Il cibo è talmente importante nella vita degli uomini che ha un ruolo fondamentale anche nelle religioni.